Video       Bacheca       Archivio       Interviste       Chitarre McIlroy       Contatti       facebook group SBJ su Facebook!
Inglese

PROSSIMI CONCERTI

16/03/18 – Giulio Redaelli
24/03/18 – DunCreagan
20/04/18 – Andrea Valeri
25/05/18 – Peppino D'Agostino

Per prenotazioni contattaci.

Il folk club è aperto solo in occasione dei concerti in programma.


Andrea VALERI in concerto. Chitarra acustica fingerstyle

Venerdì 20 aprile 2018 alle ore 21:30
SIX BARS JAIL c/o Circolo ARCI SMS Serpiolle
ingresso 10 euro

“A Guitar Genius, one of the best Guitar players in the world”
John Doan

“He’s Like a brother to me, One of the best Musicians around”
Francois Sciortino

“The shining light of the guitar world”
Michael Fix

“His potential is one of the world’s Best”
Eric Spitzer-Marlyn

“I met him in a Festival in Italy, And I was completely blown away by this new fingerpicking sensation”
Thomas Leeb

BIOGRAFIA

Andrea Valeri é nato a Pontedera il 27 Febbraio 1991: dall’Australia alla Nuova Zelanda, dalla Russia al Canada, dall’Europa fino al continente Africano, Andrea continua a mietere successi in tutto il mondo sin dall’età di 16 anni. Definito il “Principe della chitarra”, un nuovo ambasciatore della musica acustica, Andrea con migliaia di concerti Sold Out, e milioni di visualizzazioni sui social è ormai un veterano di molti dei più grandi palcoscenici di tutto il globo.

Ha iniziato i suoi studi musicali a 10 anni prima studiando la tecnica classica per passare attraverso una fase “elettrica” approdando infine alla chitarra acustica. Qui inizia ad assorbire particolari tecniche come il thumbstyle, il fingerstyle, il flatpicking e molti altri, riuscendo a sintetizzarli tutti nella sua abilità con le sei corde, che tutt’ora è in continua evoluzione.

A diciotto anni Andrea è stato insignito del riconoscimento di “Eccellenza musicale italiana”. Alla sua età ha già dato alle stampe ben 6 Album solisti : “The Secret of Silence” (2007), “The Trip” (2008), “Maybe” (2010) , “Daydream” (2011), “Race Around the World” (2014) , "Mediterraneo" (2016), e decine di altre collaborazioni discografiche con alcuni dei più importanti artisti nel campo della chitarra e della musica di oggi.

Andrea ha condiviso il palco, effettuato tournèe mondiali, registrato, e duettato con molti dei maggiori esponenti delle sei corde tra cui : Michael Fix, Adam Rafferty, François Sciortino,Tony Cox, Tazenda, Van Larkins, Maneli Jamal, John Doan, Goran Kuzminac, Daniele Bazzani, Buck Wolters, Andrew Veivers, Nick Charles, Robbie Long, Vincenzo Zitello, Bryan Rason, Thomas Leeb, Marco Baracchino, Mickey Murphy, Alberto Caltanella, Ciosi, Roberto Dalla Vecchia e molti altri ancora... Tutti i musicisti che hanno ispirato Andrea lo definiscono una “Stella del mondo della musica”. Il suo stile é in continua evoluzione e il suo successo cresce di giorno in giorno: attualmente Andrea é impegnato in un tour mondiale per promuovere il suo nuovo album “Mediterraneo”.


Peppino D'Agostino in concerto. Chitarra acustica fingerstyle

Venerdì 25 maggio 2018 alle ore 21:30
SIX BARS JAIL c/o Circolo ARCI SMS Serpiolle
ingresso 15 euro

Peppino D'Agostino è uno dei massimi esponenti della chitarra acustica fingerstyle internazionale, ma anche compositore, cantante, insegnante e showman. Nato a Messina, cresciuto a Torino, Peppino D'Agostino ha trovato negli Stati Uniti e nella California, dove risiede da circa 30 anni, l'habitat ideale per dar voce al suo virtuosismo chitarristico, inizialmente influenzato da Leo Kottke, Paco de Lucia e Carlos Santana, senza mai dimenticare tuttavia le proprie origini, come testimonia "Made in Italy", uno dei più recenti ed apprezzati lavori discografici. Da tempo il suo stile ha raggiunto la piena maturità e non a caso il suo nome figura stabilmente nei referendum delle più importanti riviste specializzate, in primis Guitar Player che lo ha nominato "migliore chitarrista acustico del 2007".

Ha all'attivo una ricchissima discografia, ben 18 album (il primo "Bluerba" del 1981, l'ultimo del 2014), alcuni dei quali incisi per la Favored Nations, l'etichetta di Steve Vai. Tra questi lavori discografici spiccano delle storiche collaborazioni musicali, aspetto molto importante nella carriera di Peppino D'Agostino, come quella con Stef Burns in "Bayshore Road" (2005), e con il famoso chitarrista classico David Tanenbaum in "Classic/Steel" (2001).

Il suo ultimo lavoro discografico intitolato "Penumbra" del 2014 è considerato dagli addetti ai lavori forse il suo album più ambizioso. In esso Peppino D'Agostino mostra tutta la capacità di trasformare la steel-string guitar in un'orchestra in miniatura con la quale mettere in opera una vera e propria incursione nel repertorio classico contemporaneo, confondendo i confini tra etichette come "classica" o "fingerstyle". L'album, infatti, è diviso equamente tra brani scritti da alcuni dei migliori compositori di chitarra contemporanea (Sérgio Assad, Maurizio Colonna, Roland Dyens, e Gyan Riley) e composizioni originali che sembrano una continuazione logica del "Minestrone Music" come lui stesso definì anni addietro il suo approccio tecnico e stilistico.

Notevole è anche la sua produzione di libri, metodi e video didattici, che lo ha fatto salire in cattedra in seminari in tutto il mondo. I suoi successi didattici passano attraverso titoli divenuti pietre miliari del genere come "Metodo per Chitarra Flatpicking Country e Bluegrass" (pubblicato nel 1984 per la casa editrice italiana Berben). Nel 1997 la prestigiosa Warner Brothers Publications ha pubblicato "New Acoustic Guitar" e nel 1998 la Homespun Tapes ha realizzato il DVD didattico "The Guitar of Peppino D'Agostino". Il brano di D'Agostino "Belladonna" è stato incluso in un libro intitolato "Fingerstyle Guitar Masterpieces" edito da "Acoustic Guitar magazine" che vede la presenza di altri luminari della chitarra quali John Williams, Leo Kottke e Jorma Kaukonen.

L'apprezzamento per questo grande musicista è unanime è confermato anche come uomo di spettacolo. Peppino si è già esibito in più di 30 Paesi, ed è stato ospite nei più prestigiosi festival internazionali suonando in moltissimi club dedicati al folk e alla chitarra acustica ma anche in teatri di fama mondiale. Spesso affianca importanti artisti in tutto il mondo, tra cui Tommy Emmanuel, Leo Kottke, Martin Taylor e Eric Johnson. La creatività ed immaginazione di D'Agostino non sono soltanto confinate alla composizione ed alle sue esibizioni dal vivo. Nel 2002 in collaborazione con il liutaio ed innovatore Canadese Robert Godin, D'Agostino crea una chitarra da lui firmata: La Seagull modello Peppino D'Agostino.